Visitare Pavia in mezza giornata

Partire dall’hotel e scoprire la città di Pavia in modo mirato e semplicissimo.
Il nostro itinerario parte dalla stazione, inizio del centro storico, e termina davanti al Ponte Coperto, senza perdere nemmeno uno dei monumenti più importanti della città.

Raggiungere Pavia, dal nostro hotel, è semplicissimo.
Sia che decidiate di muovervi in auto o in pullman, sarete in città in circa 10 minuti.
Il nostro consiglio è lasciare la macchina nel parcheggio “Al Centro” accanto alla stazione dei pullman; è pratico, economico e vi eviterà perdite di tempo.
Parcheggiare a Pavia infatti, non è la cosa più semplice del mondo e preferiamo consigliarvi modi migliori di spendere la vostra giornata.

PIAZZA MINERVA, CORSO CAVOUR E IL DUOMO DI PAVIA

Proprio davanti alla stazione ferroviaria troverete un viale alberato, Viale Vittorio Emanuele II, che vi porterà alla Piazza della Minerva.
Essendo una città di impianto urbanistico romano, avrete davanti a voi il decumano (Corso Cavour) che, insieme al cardo (Strada Nuova) , sono le due arterie principali della viabilità. Basterebbe passeggiare qui per avere un quadro completo di Pavia.
E a grandi linee è proprio quello che faremo, salvo qualche piccola deviazione.

Lasciata alle vostre spalle la statua della Minerva, Corso Cavour è una delle vie dello shopping; grandi firme come Zara o Benetton si affiancano a piccole botteghe  e negozi di ogni genere. Sulla vostra sinistra troverete il Tribunale di Pavia e, proseguendo incrocerete due strade: a sinistra, Via XX Settembre porta in Piazza Petrarca dove tutti i giorni c’è il mercato (certo non è Campo dei Fiori ma un giro si può fare).
Sulla vostra sinistra noterete il retro di Santa Maria del Carmine; imboccate via Roma per godervi la visita di questa bellissima chiesa.
A destra, via Bossolaro, vi porterà a Piazza del Duomo.

PIAZZA DELLA VITTORIA E STRADA NUOVA

Tornando sui vosti passi e riprendendo l’ultimo pezzetto di Corso Cavour, vi troverete in Piazza della Vittoria (in foto), il “salotto di Pavia” dove fermarvi per un aperitivo in uno dei tanti barettini sotto i portici. Sulla destra noterete l’imponente profilo del Duomo e il Broletto.
Proseguendo sulla stessa strada, Corso Cavour diventa Corso Mazzini ossia la strada che porta al Municipio di Pavia ma, soprattutto all’Orto Botanico. Se siete amanti della natura e della botanica è una tappa da non perdere, anche se fuori dalle rotte consigliate. Qui gli orari e ulteriori informazioni.

L’UNIVERSITA’, IL CASTELLO E SAN PIETRO IN CIEL D’ORO

Alla vostra destra e sinistra invece si sviluppa Strada Nuova ossia il cardo.
Andiamo verso sinistra per visitare l’Università di Pavia, il Teatro Fraschini e il Castello Visconteo .
Altra piccola deviazione per raggiungere San Pietro in Ciel d’Oro, una delle chiese più importanti di Pavia. Al suo interno ci sono le reliquie di Sant’Agostino.
Una pausa prima di raggiungere la parte opposta di Strada Nuova?
Fermatevi per un caffè e della piccola pasticceria al Caffè Vigoni, proprio davanti all’Università. Oltre a essere un locale storico, qui viene fatta la famosa torta paradiso. Si può anche acquistare e portare a casa come ricordo di Pavia.

SAN MICHELE, IL FIUME TICINO E IL PONTE COPERTO

Ora dritti verso l’estremità del cardo con l’ultima deviazione. Prima di raggiungere il fiume, sulla sinistra, troverete Corso Garibaldi e la Basilica di San Michele Maggiore.
Tanto imponente quanto meravigliosa nel suo stile romanico e la sua facciata in arenaria, saprà regalarvi una visita davvero speciale.
Sempre in Corso Garibaldi c’è la Gelateria da Cesare, altro negozio storico della città: per una pausa seduta o un gelato da passeggio.
Infine eccoci arrivati a destinazione: il fiume Ticino e il Ponte Coperto.
Sulla sinistra del Ponte, nella passeggiata, troverete incastonato nelle aiuole, lo stemma di Pavia.
Lo avete trovato? 🙂